Professionisti

Federica Spagnoli

Avvocato

Federica Spagnoli presta assistenza a soggetti vigilati, nazionali e esteri (intermediari assicurativi e finanziari, imprese di assicurazione, banche, SIM, IMEL, SGR, OICR), su questioni di diritto assicurativo, bancario e finanziario, servizi di investimento e gestione collettiva del risparmio.

Ha partecipato ad operazioni straordinarie e assistito i clienti in relazione a procedimenti autorizzativi, acquisti di partecipazioni di controllo, corporate governance, questioni di distribuzione assicurativa – Insurance Distribution Directive –, MiFID e servizi di investimento, crisi bancarie e BRRD, Market Abuse, strutturazione dei documenti relativi a prodotti finanziari-assicurativi (polizze index e unit-linked), regole di condotta nei rapporti con la clientela, trasparenza bancaria e postale, servizi di pagamento, prodotti del risparmio postale, emissione e distribuzione di moneta elettronica, antiriciclaggio, commercializzazione di OICR, procedimenti sanzionatori.

Prima di iniziare a collaborare con lo Studio Lener & Partners, ha lavorato, dal 2008, per lo studio Freshfields Bruckhaus Deringer, nel dipartimento di “financial services” diretto dal Prof. Avv. Raffaele Lener. Dal 2017 assiste anche su base regolare un primario broker di assicurazioni italiano.

Nel 2015-2016 ha lavorato in secondement presso Deutsche Bank AG a Londra sul progetto di adeguamento dell’operatività della banca alle disposizioni delle Direttive MiFID II e BRRD.
Nel 2013 ha lavorato in secondment presso UniCredit S.p.A. (Milano) sul progetto di elaborazione del piano di risanamento del gruppo bancario.
Dal 2006 al 2012 ha svolto funzioni operative e di assistenza presso l’Organismo di Vigilanza ex D.Lgs. 231/2001 di un intermediario assicurativo italiano.
Nel 2006 ha conseguito con lode la laurea in Giurisprudenza – Università degli Studi “Sapienza” – per poi, nel 2007, completare la formazione partecipando alla VIII edizione del master post-laurea organizzato dalla scuola di formazione “Business School” de “Il Sole 24 Ore”.